Grissini al salame

Qualche giorno fa mi è arrivato questo sms: “abbiamo ricevuto il suo curriculum, la invitiamo a passare in filiale per un colloquio conoscitivo”. Ci tengo a precisare che il mittente è un’agenzia interinale, quelle che ti dovrebbero aiutare a trovare lavoro, quindi no, non ero particolarmnete emozionata, ma tentar non nuoce. Così martedì ho telefonato e ho preso appuntamento per questa mattina. Visto che la filiale è sita a Modena, in una zona ad alto traffico e poco parcheggio, quindi per me impraticabile, ho deciso di provare i nostri fantastaci mezzi pubblici, che non hanno niente di diverso da quelli del resto d’Italia, se ne sbattono altamente degli orari. Nonostante qualche incertezza sull’autobus preso (della serie, ommioddiodovesono) sono riuscita ad arrivare a destinazione, sono entrata nell’agenzia alle ore 09:00, e questo è il dialogo così come si è verificato:

Io: “Salve, sono Francesca Morroni, ho un appuntamento”

Signorina dalle mani incredibilmente piccole: “Ah sì, si sieda, l’ho contattata perchè mi è arrivato il suo cv, ma alcuni campi sono risultati vuoti, quindi le faccio qualche domanda. Ha un titolo di studio?”

Io: “Sì, sono laureata in Design di Interni”

Signorina dalle mani incredibilmente piccole: “Precedenti esperienze lavorative?”

Io: “Arredatrice presso blablabla”

Signorina dalle mani incredibilmente piccole: “Ok, quando avremo qualche posizione compatibile col suo profilo la contatteremo, grazie ed arrivederci”

Ora di uscita dall’agenzia 09:06.

Le mie domande sono 2 e sono molto semplici: 1. c’era bisogno di farmi fare il giro del perdono per chiedermi 2 cose in modo distratto e annoiato? 2. come possono esistere delle mani così piccole? Credo che entrambe le domande resteranno senza risposta, ma se avete qualche idea fatemi sapere.

I grissini al salame (cambio di argomento repentino nonchè forzato) sono un’idea della Parodi, lo so, non a tutti piace la Parodi, ma a me sì. Ecco. Ammetto che ho cambiato le dosi perchè le sue secondo me erano un po’ ridotte, negli ingrendienti indico le mie dosi.

INGREDIENTI:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

125 gr di salame

3 fette di formaggio emmental sottili

1 uovo

Prendete il formaggio, tagliatelo a quadratini e mettetelo da parte. Srotolate la pasta sfoglia e bucatela con la forchetta. Mettete il salame nel mixer e tritatelo bene. A questo punto spalmate il salame su metà della pasta sfoglia (non sapevo bene come spiegarvi su quale metà stendere il salame, forse bastava dire fino a metà della sua lunghezza, io comunque per chiarezza vi ho fatto il disegnetto a destra, questo perchè sono furba e non faccio foto durante la preparazione). Ponete il formaggio sopra al salame e richiedete la sfogia.

Schiacciate bene i lati in modo che si chiuda bene. Volendo potreste già infornare tutto così, ma io volevo tanto fare i grissini. Col coltello tagliate la focaccia ottenuta in tre parti, e da ogni parte tagliate delle striscioline, dovrebbero venire lunghe circa 10cm e alte 2. Ci tengo a precisare che volenedo potete anche tagliare le striscioline senza dividere il tutto in tre parti, fate come vi trovate più comodi.

Prendete ogni strisciolina e fatele fare un giro su se stessa, poi spennellatele tutte con un uovo sbattuto.

Infornate a 180 gradi per circa 20 minuti o comunque finchè la pasta sfoglia sarà cotta e bella scuretta.

Vi assicuro che il profumo di salame che  esce dal forno è qualcosa che farebbe venire l’acquolina in bocca anche ad un vegetariano intollerante ai lattici.

L’unica cosa che mi preoccupa è non essere stata chiara nella spiegazione, avete capito tutto? No? Siete disposti ad iscrivermi ad un corso di scrittura base? In caso di risposta affermativa contattatemi al più presto, vi indicherò il mio iban per versare la quota.

 

5 commenti
  1. Purtroppo neanche con le sfere di cristallo si riesce a indovinare il perché di tale idiozia, in quanto alle mani piccole…magari sono proporzionali al cervello, o forse anche la signorina annoiata è un vittima dello scellerato sistema in cui si fa perdere tempo ai giovani che vogliono lavorare, e si mantengono con i guanti e l’oro i decerebrati figli di papà politici, delinquenti o cialtroni,ma… Comunque no, neanche i grissini salamosi fanno tornar fame a Grimilde…fra un po’ sembrerà un osso di pollo semovente

    • Sì penso che le mani siano proporzionali al cervello, ma solo nel suo caso, altrimenti significherebbe che il mio cervello è corto ma largo….
      Per favore fate mangiare Grimilde, il cibo è uno dei pochi e veri piaceri della vita!

      • Tesoro, tutto bene? ‘sto cacchio di sisma che non la vuole finire!!!!!

      • Sìsì, qua per fortuna non ci sono danni, speriamo che la smetta!

      • Grimilde ha una stregricetta che ti piacerà, baci e in bocca al lupo!

Aiutami a tornare una pesona normale: commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: