Baccalà alla portoghese

Il verdetto è arrivato. La sorpresa non è stata molta, mi aspettavo questo risultato, ma sono caduta comunque nello sconforto più totale. Eccovi una breve lista degli alimenti che non posso più mangiare per 2 mesi: melanzane, peperoni, peperoncino, paprika, curry, minestroni, sott’aceti, dado animale e vegetale, carne di manzo, di pecora e di agnello, pancarrè, baccalà, pesto alla genovese, pomodori. Alimenti che non posso mangiare per 4 mesi: latte e tutti i suoi derivati, patate. Quindi il mio riassunto è questo: a Natale niente pandoro, durante il pranzo del 25 guarderò gli altri mangiare i tortellini e non potrò fare altro che assaporare una pasta in bianco. Nella lista c’era anche la cioccolata, ma posso rinunciare a tutto tranne che a quella, piuttosto vado a vivere in una caverna nutrendomi dei frutti della natura. Detto ciò farò il possibile per non far diventare questo blog un luogo in cui vi spiego solo come preparare delle freschissime macedonie, che tra l’altro non amo particolarmente, ma non riesco ancora a capire come fare, troverò una soluzione. Nel frattempo mi concedo una settimana per svuotare il frigorifero, che ovviamente è pieno di formaggi, gnocchi di patate e mille altre cose che mi sono proibite. Sabato sera mangerò l’ultimo piatto di tortellini con la panna e da lunedì prossimo cominceranno questi 4 mesi di agonia, in cui probabilmente avrò una crisi isterica ogni 5 minuti.

Quindi oggi vediamo come si prepara questa buonissima ricetta, che ovviamente non potrò più mangiare (sighhhhh).

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

4 patate medie

600 gr di filetto di merluzzo senza pelle nè lische

1 spicchio d’aglio

1 cipolla

100 gr di olive nere

mezzo bicchiere di vino bianco

prezzemolo

olio, sale e pepe

 

Lessate le patate, pelatele e tagliatele a fettine. Fatele dorare in una padella con olio, aglio, cipolla e sale. Unite quindi le olive tagliate a pezzetti.

Lessate il merluzzo in poca acqua salata, scolatelo bene e rompetelo a pezzi un po’ grossi.

In una pirofila unta di burro mettete metà delle patate, il pesce, sale e pepe, e le rimanenti patate. Versate il vino bianco ed infornate a 180 gradi per mezz’ora circa. Guarnite quindi col prezzemolo e servite.

Ps nella ricetta originale si guarnisce questo piatto anche con 4 uova sode tagliate a fettine ma personalemente lo preferisco senza. A voi la scelta.

5 commenti
    • franciwp ha detto:

      Grazie!!! Bacioni 🙂

  1. Questo piatto sembra davvero delizioso!!! Mi spiace però per il verdetto troppo severo e per questi 4 mesi che dovrai sopportare… però dai vedila in modo positivo, tra 4 mesi, quando potrai riassaggiare queste delizie, ti sembrerà tutto più buono! 🙂 Sonia

    • franciwp ha detto:

      Infatti pensavo di comprare il pandoro a natale e di mangiarlo in febbraio, tanto ha scadenza lunga no?! Poi domani prenoto il ristorante per il 16 febbraio, mi mangerò un chilo di tortellini alla panna ahahahah 🙂

      • mmm beh, forse è meglio non esagerare!! 😉

Aiutami a tornare una pesona normale: commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: